Soluzioni

Energia che respira. Il «kit di sopravvivenza digitale» per i fornitori di energia, gli operatori di rete e i produttori di energia.

aliunid è un servizio «white label» per fornitori e produttori di energia così come per gli operatori di rete. Gli utenti finali (famiglie, servizi di amministrazione immobiliare e PMI) conoscono aliunid come soluzione Smart Home o Smart Business.

aliunid analizza e gestisce i flussi energetici secondo un approccio «bottom-up», vale a dire dalle economie domestiche alla centrale elettrica passando per la cabina di distribuzione e il trasformatore. In quanto fornitore digitale di energia, aliunid fa a meno di infrastrutture fisiche proprietarie (reti, trasformatori e centrali elettriche) e crea il proprio valore aggiunto solo mediante dati aggiornati in tempo reale, connettività e la propria piattaforma svizzera per l’Internet delle cose. A differenza dei tradizionali fornitori di tipo «cloud», la piattaforma SIot (Swiss Internet of Things) di aliunid non è soggetta al controllo dei dati da parte di Stati esteri (cfr., per esempio, US Cloud Act del novembre 2018).

L’approvvigionamento che respira: in un mondo caratterizzato da un sistema di approvvigionamento basato su energia rinnovabile, la corrente è fin troppa quando il sole splende, ma troppo poca in sua assenza. Per evitare un blackout in entrambi i casi, gli elementi del sistema di approvvigionamento devono essere molto più flessibili. Ed è proprio a questo riguardo che la soluzione di aliunid propone un approccio «innovativo» creando un sistema di approvvigionamento energetico che respira. In caso di surplus, l’energia viene «inspirata», il consumo di corrente aumenta per un breve lasso di tempo permettendo così di immagazzinare energia presso l’utente finale. In caso di deficit, il consumo di corrente diminuisce fino a quando la produzione propria locale o la batteria domestica non è in grado di reimmettere o «espirare» energia nella rete. Sarà possibile rendersi indipendenti dalla corrente prodotta da centrali elettronucleari in modo sicuro e conveniente, riducendo rapidamente le emissioni di CO2.

Da valori annuali a dati aggiornati in tempo reale: nel mondo tradizionale e non rinnovabile, la centrale elettrica gestisce il sistema di approvvigionamento secondo un approccio «top-down». Sino ad ora non erano necessarie, e nemmeno disponibili a livello tecnico-informatico, informazioni dettagliate sui flussi di energia riferiti alla domanda. Invece, il sistema di approvvigionamento che respira, studiato da aliunid, è gestito secondo uno schema «bottom-up». Questo richiede informazioni aggiornate in tempo reale sullo stato del sistema di approvvigionamento (potenza, corrente, tensione, energia reattiva, frequenza) partendo dalla singola abitazione per arrivare fino al trasformatore e alla centrale elettrica passando per la cabina di distribuzione. aliunid ha brevettato un processo che riduce al minimo la complessità di gestione delle reti energetiche e di conseguenza il volume di dati necessari. I fornitori di energia, i gestori delle reti di distribuzione e i produttori di aliunid possono monitorare i loro sistemi in tempo reale o, meglio, a intervalli di 1 – 5 secondi. Bisognerà quindi rivedere i tradizionali concetti «smart meter».

Da centralizzato a decentralizzato: il sistema di approvvigionamento integrato di aliunid è organizzato secondo uno schema «bottom-up». Lo scambio con il livello immediatamente superiore avviene solo se l’unità sottostante ha troppa o troppo poca energia. I flussi energetici vengono gestiti in tempo reale e in maniera intelligente partendo dall’utente finale decentralizzato fino alla centrale idroelettrica centralizzata passando per l’azienda fornitrice di corrente.

Dal carbonio alla sua riduzione: le informazioni in tempo reale sul consumo energetico di ogni utente finale rendono visibile la cosiddetta «carbon footprint» (grammi di CO2 per kWh) individuale. aliunid, tuttavia, non si limita a indicare l’impronta ecologica per ogni economia domestica. Prevede inoltre il contenuto di CO2 nell’approvvigionamento energetico per le ore successive e il consumo dell’utente finale viene controllato al punto da ridurre al minimo l’effettiva carbon footprint per l’abitazione. aliunid sta cercando delle soluzioni normative per capire come riconoscere economicamente queste reali riduzioni di CO2 ai vari clienti privati e industriali.

Tecnologia svizzera e protezione dei dati: aliunid si basa su un’apposita piattaforma per l’Internet delle cose 100% svizzera (SIoT). La struttura decentralizzata archivia i dati localmente presso il cliente stesso rinunciando a un super computer centrale. Così, questa infrastruttura critica per il sistema riesce a soddisfare appieno i nuovi requisiti in materia di protezione dei dati e sicurezza informatica.

Vi piacerebbe ricevere informazioni più dettagliate o assistere a una dimostrazione del prodotto? Scrivete a: info@aliunid.com

Community

Energia che respira. Sono circa 20 le aziende energetiche svizzere, appartenenti a tutti i livelli della catena di creazione di valore aggiunto, che uniscono le loro competenze per il sistema di approvvigionamento del futuro.

Al momento, 15 fornitori di energia, tre grandi produttori di energia idroelettrica e uno sviluppatore IOT svizzero danno vita a un ecosistema commerciale innovativo ed efficiente. All’interno della community aliunid sono presenti tutte le competenze tecniche e pratiche necessarie così come i sistemi e sono rappresentati tutti gli aspetti rilevanti per gli utenti finali in modo da poter sviluppare ulteriormente una soluzione di «approvvigionamento che respira» attraverso una prova sul campo in tutto il territorio svizzero mirata a testare la maturità del mercato.

Per via del suo ruolo chiave nell’attuazione della Strategia energetica 2050, aliunid può contare su sostanziosi aiuti finanziari anche da parte della Confederazione elvetica e dell’Ufficio federale dell’energia (UFE). Questi incentivi non si riferiscono solo a questioni prettamente tecniche (identificazione e controllo della flessibilità) ma anche a problematiche normative (approvvigionamento «nuovo» = regolamentazione «nuova») e ai settori protezione dei dati e sicurezza informatica (infrastruttura digitale). In questo ambito, aliunid collabora già a stretto contatto con le migliori università e i più prestigiosi politecnici della Svizzera, nello specifico l’Università di scienze applicate di Berna, l’Empa, l’ETH di Zurigo e l’Università di scienze applicate Svizzera orientale (Vallese). Al momento aliunid sta cercando altri istituti universitari svizzeri per una collaborazione più mirata nei settori specifici dell’algoritmica e dell’intelligenza artificiale.

Cerchiamo quindi altre aziende energetiche innovative, soprattutto nella Svizzera orientale e centrale. Le dimensioni sono un fattore secondario. Ciò che ci interessa di più sono lo spirito innovativo e l’apertura verso nuove soluzioni.

Volete far parte di questa iniziativa futuristica? Vi piacerebbe partecipare alla nostra prova sul campo con la vostra azienda? Scrivete a: info@aliunid.com

Prova sul campo

Energia che respira. Nella prova sul campo condotta tra il 2019 e il 2020 in tutto il territorio svizzero, circa 20 aziende energetiche innovatrici sviluppano il sistema di approvvigionamento del futuro.

L’obiettivo e l’utilità del nostro test: soltanto con una prova sul campo reale e basata sulla pratica è possibile individuare le sfide e le esigenze concrete degli utenti finali. Nello sviluppare i prodotti e i servizi per il sistema di approvvigionamento energetico del futuro, aliunid si basa proprio su questa esperienza.

L’approvvigionamento di energia deve essere ecologico, sicuro e accessibile per tutti noi. L’obiettivo di aliunid è fare in modo che l’attuale sistema di approvvigionamento energetico adottato in Svizzera possa essere convertito il prima possibile a fonti energetiche rinnovabili: bisognerà quindi rinunciare gradualmente alle fonti nucleari e fossili e aumentare rapidamente l’efficienza energetica. Le centrali idroelettriche altamente flessibili ubicate nelle Alpi svizzere andranno integrate con il nuovo sistema di produttori decentralizzati di corrente (fotovoltaico) in modo da poter sfruttare i punti di forza di entrambi i sistemi in maniera ottimale.

Determinante per il successo dell’«approvvigionamento che respira» è, oltre alle conoscenze tecniche all’interno della community aliunid, anche il margine di manovra lasciato a questa start-up indipendente per sviluppare liberamente il «sistema di approvvigionamento energetico di domani». L’esperienza del vecchio mondo è tanto importante quanto la capacità di ripensare al concetto energetico.

La prova sul campo è iniziata nell’aprile 2019 e verosimilmente durerà fino alla fine del 2020. A inizio 2021 aliunid implementerà le sue soluzioni per gli utenti finali (aliunid HOME) e gli operatori di rete (aliunid GRID) nel mercato svizzero. Al momento sono in corso prove sul campo con utenti finali reali nella Svizzera tedesca, francese e italiana. Anche le Ferrovie Federali Svizzere (FFS) partecipano ai test come partner tecnologico. Sono interessate a soluzioni efficaci per la decarbonizzazione nel settore industriale.

Vi piacerebbe ricevere informazioni più dettagliate, parlare personalmente con noi o partecipare alla nostra prova sul campo come azienda fornitrice di energia? Scrivete a: info@aliunid.com

Chi siamo

Energia che respira. Il Dr. David Thiel e il Prof. Dr. Andreas Danuser hanno fondato aliunid nel 2018 come una start-up. Hanno deciso di sfruttare la loro pluriennale esperienza per definire il sistema di approvvigionamento energetico di domani.

Sono già numerosi i fornitori di energia, i produttori di energia idroelettrica e gli sviluppatori IoT che aderiscono ad aliunid SA. Grazie all’impegno a livello finanziario e di contenuti della community aliunid, è stato possibile elaborare in maniera mirata e sostenibile un processo snello e imprenditoriale. I due fondatori, il Dr. David Thiel e il Prof. Dr. Andreas Danuser, possono contare su un ricco bagaglio di esperienze scientifiche, pratiche e imprenditoriali complementari. Hanno inoltre il supporto di un team in rapida espansione di esperti selezionati che rappresentano il «vecchio» e il «nuovo» mondo.

Dr. David Thiel ha studiato presso l’Università di economia di Basilea e nel 1995 ha ottenuto il titolo di dottore in Economia energetica (pianificazione integrata delle risorse). Nel corso dei dieci anni dedicati all’attività di CEO presso l’Industrielle Werke Basel (IWB), David ha trasformato un reparto amministrativo non autonomo e operativo a livello cantonale in un gruppo energetico affermato a livello internazionale e operativo. Prima, in veste di direttore vendite, ha guidato il settore energia e telecomunicazioni del Gruppo WWZ di Zugo, una società di diritto privato. David ha maturato altre esperienze presso BKW Energie SA (sviluppo dell’azienda), AEW Energie SA (economia energetica) e PWC Lugano/Zurigo (consulenza strategica). David è un CEO di grande esperienza con una prominente professionalità nel settore della fornitura energetica, idrica e delle telecomunicazioni. Dal 2013 si adopera per accelerare la digitalizzazione dell’approvvigionamento energetico attraverso svariate iniziative imprenditoriali. Nel 2015 è stato promotore di Smart Regio Basel e nel 2017 è stato eletto Top Digital Shaper per la Svizzera (livello C). Nel 2018 ha fondato aliunid, azienda energetica digitale, insieme al Dr. Andreas Danuser.

Prof. Dr. Andreas Danuser si è laureato presso l’ETH di Zurigo in ingegneria elettronica per poi ottenere il titolo di dottore nel campo dei sistemi IT connessi. Presso ABB Andreas ha sviluppato nuove tecnologie per sistemi informatici distribuiti in tempo reale destinati alla tecnica di automazione. Nei sei anni in cui ha lavorato presso Ascom, Andreas ha diretto la «Strategic Technology Unit». Dal 1998 opera con successo come imprenditore nei settori Telecomunicazioni (VOIP), IT e IoT. In questi anni, Andreas ha fondato, fatto crescere e in parte venduto una dozzina circa di aziende. Nel 2014 ha ottenuto la cattedra Internet of Things (IoT) alla BFH. I suoi principali successi come imprenditore sono stati l’acquisizione della gestione della rete fissa di Sunrise Svizzera e in diversi Paesi asiatici, la fornitura a livello mondiale di sistemi router mobili per svariati operatori ferroviari e di autobus. Dalla primavera 2019 è disponibile la SIOTv2. Questa tecnologia è stata sviluppata come cloud decentralizzato appositamente per le esigenze dei sistemi distribuiti come, per esempio, un sistema decentralizzato di approvvigionamento energetico.

Il team: i due fondatori possono contare sul supporto di un team altamente qualificato di esperti dei settori IoT, economia energetica e marketing. Al momento sono circa 27 le persone impiegate nell’ufficio di Aarau, presso il laboratorio aliunid alla BFH di Bienne e in un’azienda di sviluppo IoT a Niš/Serbia.

Vi farebbe piacere ricevere più informazioni? Scrivete a: info@aliunid.com

Download

Energia che respira. Scarica qui l’applicazione aliunidHOME.

Android

iOS

Jobs

Energia che respira. Cerchiamo le menti più brillanti per le soluzioni migliori per sviluppare insieme il sistema di approvvigionamento energetico di domani per la Svizzera. Candidatevi. info@aliunid.com

Contatto

Energia che respira. Siamo presenti su tutto il territorio svizzero.
I nostri uffici sono situati in posizione centrale.

Avete altre domande o vi piacerebbe scambiare due parole con noi?
Volete partecipare alla nostra prova sul campo?
Saremo lieti di presentarvi di persona il nostro sistema.
Attendiamo un vostro riscontro.

aliunid AG
Bleichemattstrasse 31
5001 Aarau, Switzerland
+41 62 500 60 70
info@aliunid.com

Indirizzo postale:
aliunid AG
Bleichemattstrasse 31
Casella postale
5001 Aarau, Switzerland